Various

Carnè Natural Park - Terre di Faenza

Carnè Natural Park - Terre di Faenza


NATURAL PARK MEAT '

The

tourist area of ​​the "Terre di Faenza"

, in the hinterland of Ravenna, can certainly frieze, in the hilly part, of being one of the most interesting natural environments of the regional Apennine area, thanks to its dense and varied vegetation and to the contribution of some morphological peculiarities of great interest, such as gullies of blue clay and the Romagna Gypsum Vein.

One of the most beautiful environments of the Vena del Gesso is represented by the Carnè Natural Park, in the municipality of Brisighella. Established in 1973 on the initiative of the Province of Ravenna and the Municipalities of Faenza and Brisighella, the Carnè Natural Park represents a concentration of the most interesting naturalistic aspects of the Vena del Gesso Romagna. This area of ​​about 43 hectares, with a pleasantly "wavy" morphology - with rocky outcrops interspersed with hollows and bumps - represents a typical karst landscape, that is, devoid of a superficial hydrography and dotted with all those phenomena connected with the solubility of the rock chalky such as sinkholes, candle erosions, sinkholes, springs, etc.

You can reach Cà Carnè, the park's visitor center and guesthouse (where 30 beds are available for overnight stays), thanks to two pedestrian accesses: the "low" one is the easiest while the "high" one is certainly more panoramic. But the importance of this area is not limited only to geological emergencies: in fact, the Carnè Park is also a well-preserved example of the flora and vegetation of the Vena del Gesso. In the wooded areas, consisting of an oak grove mixed with downy oak, ash and hornbeam, less common or even rare plants appear such as ash, linden or maple; during the spring there are also splendid blooms of protected species including the dog's tooth, the Solomon's seal, various species of wild orchids or the showy red lily. The cooler and more humid environments in industry can host the unusual cervina fern or the rare borsal. Finally, the presence of wildlife is significant, including, in addition to Italy, "The Farm") to the common Apennine species - fox, badger, weasel, skunk, stone marten, squirrel, roe deer, buzzard, red woodpecker, etc. - animals that, if not exclusive to the Park, are however quite significant in this area: for mammals we can mention porcupines and bats (the latter with at least seven different species), while for birds a rare diurnal raptor such as the sparrow hawk the oriole, the white whale and other nocturnal birds of prey are nesting here.

Throughout the summer, and until autumn, the Carnè Park then hosts a series of interesting initiatives suitable for an audience of all ages, from children to grandparents.

Information:

Excursions and guided tours: tel. 0546 681585 (Cultural Association PANGEA - Faenza)
Refreshment and overnight stay service: tel. 0546 81468 (Carnè Park - Brisighella)

How to get to the Carnè Park.

From Brisighella take the provincial road to Riolo Terme and after about 3 km of panoramic road you can see, on the right, the Tanaccia karst park car park (from which you go down a short path to the Speleological hut); instead continuing along the provincial road, immediately after the "Da Mario" restaurant, you can see the sign indicating the Park on the left. Follow the following indications that lead to the parking lot adjacent to the entrance. Here leave the cars and continue for about 1 km on an unpaved road.

Lands of Faenza: is a 51% private mixed Area Company, created to encourage the development of tourism in the municipalities of Faenza, Brisighella, Casola Valsenio, Riolo Terme, Castel Bolognese and Solarolo (all in the province of Ravenna, in the heart of Romagna, halfway between Bologna and Rimini and about 50 kilometers from the Adriatic coast). It is proposed, in collaboration with the numerous fire operators present, to provide support to the tourist actions developed, to implement a unitary promotion policy and to encourage and facilitate the marketing of the tourist product, in particular in the various "tourism" present in this interesting area of ​​the hinterland: food and wine, spa and wellness, ceramic art and ecotourism.

Press office of the "TERRE di FAENZA" Area Company
Coop Aleph ref. Pierluigi Papi tel. 338 3648766

[email protected] fax aut. 02700414712

Regional Park of the Vena del Gesso Romagnola

Built right at the foot of the hills that precede the Apennines, Faenza (Ravenna, Emilia-Romagna) offers a natural environment to all lovers of trekking and excursions. In fact, the nearby valleys of Lamone and Samoggia are ideal destinations for many explorations such as in the remarkable Regional Park of the Vena del Gesso Romagnola. Confidently called the Vena del Gesso, this territory has karst characteristics with selenite ridges, dolines of various morphologies, sinkholes and gorges.

Those who want to spend a day discovering these places cannot fail to participate in a guided tour of the Karst Park of the Tanaccia cave and the CarnГЁ Natural Park, while those who prefer to discover historical testimonies can orient themselves towards a suggestive path that from Croce San Daniele leads to Ca 'Malanca - we are in the upper Sintra Valley - through woods and ruins of fortifications dating back to the medieval period.

From Brisighella to the Sillaro valley, in the heart of the Lamone valley, the territory is characterized by scenographic silvery gray ridges that furrow the green profiles of the hills, offering a truly unique spectacle. This is the most powerful and longest chalky relief in our country which, extending over 25 kilometers, has an average width of about 1.5 kilometers. This territory is enriched by sinkholes, caves, blind valleys, abysses that make up the characteristic karst morphologies.
The Regional Park of the Vena del Gesso Romagnola has an area of ​​over six thousand hectares, of which about one third is a real park.

Those unfamiliar with this area might be tempted to believe that the landscape is always the same instead, the habitats present are very varied and also change abruptly depending on the slopes. Those facing south have some peculiarities of the Mediterranean type where the rock alternates with patches of vegetation. Those facing north, on the other hand, are rich in fruit chestnut groves, coppice woods and humid and cool woods if near the sinkholes.

The Vena del Gesso Romagnola is located a short distance from the valleys of Lamone, Sintra, Senio and Santerno that furrow the Apennines in the western part of Romagna.
The ridges, composed of differently stratified and crystallized calcium sulphate, cross various municipalities: Brisighella, Riolo Terme, Casola Valsenio, Fontanelice, Borgo Tossignano and Casalfiumanese and enrich an area particularly rich in flora and fauna.

Even if the landscape turns out to be severely harsh, the vegetation is so changeable as to present almost two thousand vegetable taxa with often unusual shapes and colors. Of note is the picturesque flowering of purple orchids and rare red lilies.
The fauna is also welcomed so much that it is present with over two hundred and forty species of mammals, birds, reptiles, amphibians and fish. Enough to plan a day trip to discover this interesting and particular place.


Carnè Tweet Natural Park

The hilly orography, the mild climate, the structure of the land, the pleasantly moved morphology. These objectively favorable conditions characterize a little-known Natural Park, corresponding to the tourist district of Faenza, one of the most interesting natural environments in the Apennine area, characteristic of the Ravenna hinterland. This is the Carnè di Brisighella Natural Park.
A small and very particular area under protection today absorbed in the territory of the larger Regional Park of the Vena del Gesso which with its 6064 hectares includes the Provinces of Ravenna and Bologna, and the six municipalities of Brisighella, Casola Val Senio, Riolo Terme, Borgo Tossignano , Casal Fiumanase and Fontanelice.

This Park, born in 1973 on the initiative of the Province of Ravenna and the Municipalities of Faenza and Brisighella, extends for only 43 hectares in the area of ​​the Tuscan-Romagna Apennines which slopes towards the boundless horizons of the Po valley, representing one of the most interesting aspects naturalistic features of the Romagna Gypsum Vein. Eighteenth-century caves currently explored, of which only two are accessible to tourists, or caves that can be visited with the help of speleological guides, which are the Tanaccia Cave in the municipality of Brisighella and the Cave of King Tiberius in the municipality of Riolo Terme. Specifically, the northern boundaries of the Park, towards the sea, collide with a completely different geological reality, consisting of the gullies, or clayey hills that were part of the old seabed with 18 million years.

The north side is therefore cooler and more humid due to the presence of the sinkholes. While to the south, towards the Apennines, the Park collides with completely different rocks which are the marly arenaceous. The south-facing walls are therefore much warmer and give rise to various plants of the Mediterranean scrub. Rupestrian territory, therefore, to protect the largest karst area in Europe, anomalous in some respects considering that on the Vena del Gesso there is a very high number of plant varieties, a variety due to the presence of widely different microclimates.

The scenarios are gently wavy and the vegetation is particularly rich considering that a large part of the vegetation cover consists of oak wood mixed with downy oak, ash and black goat, but also less frequent plants such as wild lime, ash, maple. The forest formations of autochthonous varieties or planted by man are flanked by cooler and humid environments that can host the unusual cervina fern or the rare borsolo. Blooms of protected species such as dog's tooth, Solomon's seal, showy red lily, or various species of wild orchids accompany the various plants. These woods are populated by the eagle owl - whose presence always symbolizes a very particular environment -, the solitary sparrow, the peregrine falcon, the newt, the sparrow hawk, the oriole, the roe deer, the buzzard, the stone marten, the weasel and other species. local or municipalities in the Apennines.

Since the nature of the reliefs is clayey, there are also gully formations typical of many stretches of the Emilia-Romagna hills. But in particular there are rocky outcrops interspersed with sinkholes and sinkholes, a characteristic of the typical karst landscape, i.e. devoid of a superficial hydrography and dotted with all those phenomena connected with the solubility of the chalky rock such as candle erosions, sinkholes, springs, sinkholes, etc. All this can be visited through a new open-air tool, that is a network of walkways and equipped paths easily usable by anyone, which together represent the open-air museum of Monticino, an open-air museum that illustrates the long and complex geological history of this territory.

During the summer there are many hiking initiatives to discover the Park.
Among these falls on 9 and 10 September "Cammina Cammina", a two-day itinerary that crosses the entire Vena del Gesso Romagnola starting from the Santerno valley floor near Borgo Tossignano from here continue along Riva di San Biagio to then go down to the bottom of the "narrow" of Rivola. Still following the chalky ridge, you pass the Senio and the village of Crivellari to then reach the summit of Monte Mauro and then descend towards Zattaglia. The next day we regain altitude passing the park, to visit the three hills of Brisighella, where the excursion ends.


Natural Park of Carnè

Corso Matteotti 40 Riolo Terme (RA) Tel. 054671044
Visitor Center: Via Rontana 42 Brisighella (RA)

Published on December 17, 2008 in Travel Read 4528 timesPermalink[0] comments

Index

  • 1 History
    • 1.1 Projects
    • 1.2 2020, the hypothesis of expansion of the Monte Tondo quarry
  • 2 Territory
    • 2.1 The areas of protection
    • 2.2 Location
    • 2.3 Geology
  • 3 Flora
    • 3.1 The rock populations
    • 3.2 The garrigue
    • 3.3 The woods
    • 3.4 The grasslands
  • 4 Fauna
    • 4.1 Amphibians
    • 4.2 Reptiles
    • 4.3 Birds
    • 4.4 Mammals
      • 4.4.1 Chiroptera
    • 4.5 Insects
    • 4.6 Other invertebrates
  • 5 Paleontological findings
  • 6 Archaeological aspects and human presence
    • 6.1 The castle of Rontana
  • 7 Karst and caving
    • 7.1 Karst systems
    • 7.2 The caves
  • 8 Points of Interest
    • 8.1 Monte Mauro
    • 8.2 Visitor Center of the Ca 'Carnè Refuge
    • 8.3 The gypsum quarries
    • 8.4 Geological Museum of Monticino
    • 8.5 Other places
      • 8.5.1 Paths of the Park
      • 8.5.2 CAI paths
  • 9 Image gallery
  • 10 Notes
  • 11 Bibliography
  • 12 Related items
  • 13 Other projects
  • 14 External links

The Vena del Gesso contains particular natural values ​​which, over the centuries, starting from 1500, were at the center of the scientific interest of some scholars, such as the Bolognese Luigi Ferdinando Marsili (1658-1730) who published some research on gypsum of the mines in Romagna. [3]

Between 1844 and 1872, the geologist and paleontologist from Imola Giuseppe Scarabelli planned and carried out numerous exploration campaigns for the cave of King Tiberius, to then undertake some important studies on the geology of the Vena del Gesso: his first hypotheses on the formation of gypsum within basins or freshwater ponds more or less connected to each other and near the sea and belonging to a single stratigraphic horizon from Romagna to Sicily. Around 1860 he carried out a stratigraphic archaeological excavation for the first time in Italy, again in the cave of King Tiberius, finding important finds from which studies on the frequentation of the Vena del Gesso caves began. [4] [5]

In 1936 the naturalist Pietro Zangheri from Forlì published a research on the flora and vegetation of the chalky-limestone strip of the lower Romagna Apennines. [6] A few years later he deals with the geology of Vein of Gypsum highlighting, perhaps first, the need to protect its particular environments.

In the sixties some cultural and naturalistic associations began to present concerns for the environment endangered by the expansion of excavations in the large gypsum quarries, urging the Province of Ravenna to take measures for the conservation of the areas. In 1967 the local Chamber of Commerce drew up a project for their protection following which the Ministry of Education, on 30 July 1974, issued a decree ("Declaration of notable public interest in an area of ​​interest to the municipalities of Riolo Terme, Casola Valsenio and Brisighella ") with which almost the entire chalky area between the Crivellari hamlet and the Sintria stream was placed among the environmental assets under protection, excluding the Borgo Rivola quarry area. After the Regional Law n.2 of 1977 ("Provisions for the protection of the regional flora") the provinces concerned were invited to collect proposals and projects for the establishment of the Regional Natural Park of the Vena del Gesso. In 1980 a provision of the Regional Council established that: "in the creation of the Vena dei Gesso Park in the Romagna Apennines. the needs of the gypsum mining activities for which the area is particularly suited are considered a priority. ", arousing protests from environmentalist and protectionist associations and the region assigned to the Comunità Montana Faentina 140 million lire to be allocated to the first interventions of the park. In 1982 the document on" Programmatic guidelines for the elaboration of the territorial plan of the Vena del Gesso Regional Park ", but the park proposal was not followed up.

In 1991 the regional landscape territorial plan included the Vena area among those of the “Regional Park Plan”. In 1997 a preliminary draft of Territorial Plan for the Regional Park of the Vena del Gesso Romagnola, promoted by all the territorial bodies concerned with a high level of consensus among the local communities, which imposes limits for the excavation of gypsum in the Borgo Rivola quarry. [7] In 2002 the Park programmatic document and with the Regional Law 21 February 2005 n. 10, the regional park of the Vena del Gesso Romagnola was established. [8]

Projects Edit

Since 2009, the application process for the recognition of GeoParco has begun by the UNESCO commission responsible for the Global Geoparks Network [9]. In the meeting of 24 January 2018, the Governing Council of the Italian National Commission for UNESCO, decided to include the site "Caves and evaporitic karst of Emilia-Romagna" in the Italian proposed list of naturalistic sites for the UNESCO World Heritage. , following the candidacy proposed by the Emilia-Romagna Region and strongly supported by the Ministry of the Environment. [10]

In 2010 a five-year project was launched ("Progetto Life Natura Gypsum 2010-2014") [11] for the environmental recovery and redevelopment of the Park which involved safeguarding karst areas (caves, sinkholes, sinkholes), mainly degraded by of the abandonment of waste by man.

On 1 January 2016 he left, also on the territory of Park of the Vena del Gesso, the "Life Eremita Project" [12], lasting five years, with the aim of ensuring the best conditions for the conservation of the residual populations of two species of saproxylic insects of priority conservation interest (Osmoderma eremita and Rosalia alpina) and of two species of lentic and lotic waters (Graphoderus bilineatus and Coenagrion mercuriale), acting on the threat factors of anthropogenic origin.

2020, the hypothesis of expansion of the Monte Tondo quarry Modification

During the year 2000 a study concerning the extension of the quarry on Monte Tondo, near Borgo Rivola, entrusted to the "Regional Agency for Environmental Protection" (ARPA) and formally incorporated in the PIAE and in the PAE (mining activity plans), established two constraints: a maximum quantity of extractable plaster and a maximum area in which to continue the extraction. Once these limits were reached, (in particular that of the maximum area of ​​gypsum extraction), the gypsum extraction activity had to cease. [13]

Despite these agreements, in 2020, the company that manages the quarry (Saint-Gobain PPC Italia SpA), requested a further extension of the mineral extraction area with the risk of permanently compromising both underground and superficial environments of the Park. of the Vena del Gesso. [14] [15] [16]

After this request, at the end of 2020, the Emilia-Romagna Region commissioned a study for the "Evaluation of the environmental, landscape and socio-economic components in relation to the continuation of the extraction activity of the Single Regional Pole of gypsum in Monte Tondo, in the Municipalities of Riolo Terme and Casola Valsenio”, Entrusting it to a temporary grouping of companies. [17] [18]

Based on the results of the study, local authorities will choose whether or not to support the expansion plans proposed by the quarry. [19]

The territory of the park is located at altitudes between 50 and 515 m a.s.l. [20] and has a total area of ​​60.63 km² of which 20.41 km² of reserve, and 40.22 km² of contiguous area.

The protected areas Edit

Due to the variety of environments, following the approval and entry into force of the Park Plan, the territory is divided into four zones, classified according to the protection regime to which they are subject:

  • "Zone A of integral reserve": they include areas of exceptional naturalistic value, in which anthropization is absent or of little importance and in which the natural environment is preserved in its integrity are intended for the safeguarding and maintenance of biological and environmental balances in place, for prevention and the elimination of any endogenous and exogenous disturbing factors. In principle these areas are accessible only for scientific and educational purposes and in the Vena del Gesso Romagnola they have an area of ​​52 hectares
  • "General protection zone B": is the area in which the permitted activities are aimed at improving the complexity of ecosystems, maintaining natural and cultural balance, enhancing and preserving elements of strong landscape, historical, monumental characterization, even if not consistent with the nature peculiar to the area itself. In zone B the natural characteristics are preserved, in the most undisturbed state possible. traditional recreational and agro-forestry-pastoral, compatible with the conservation of the characteristics of maximum naturalness. It consists of 749 hectares
  • "Environmental protection zone C": where the presence of nuclei and inhabited centers is generally higher and agriculture and other significant activities are concentrated, the degree of protection is less strong and the achievement of positive results in land management is to a certain extent linked to the capacity of the park to become a reliable partner and support for agricultural producers and other economic operators In the Vena del Gesso park it covers an area of ​​1,240 hectares.
  • "Zone D": corresponding to the urban and urbanizable area and a"Contiguous Area", with a function of transition and connection with respect to the territory of the Park itself.

Location Edit

The park is spread over the Romagna hills between Imola and Faenza about ten kilometers from the junction line with the plain, crossing the valleys of Santerno, Senio del Sintria up to that of Lamone. It involves six municipalities: Brisighella (1,824 hectares) Borgo Tossignano (1,526 hectares) Casalfiumanese (255 hectares) Casola Valsenio (981 hectares) Fontanelice (440 hectares) and Riolo Terme (1,001 hectares).

Geology Edit

The most important emergence of the park, around which the protection project has been built, is constituted by the outcrops of the Messinian gypsum, which belong to the geological formation known as the gessoso-solfifera formation.

The same topic in detail: Chalky-sulphurous formation.

Set between the oldest marly-arenaceous formation in the southwest and the more recent blue clay formation (calanchi) in the northeast, the Vena del Gesso Romagnola is the only entirely chalky geological formation that exists in Europe. Gypsum is present in sedimentary rocks with continuity from Bologna to Pesaro and emerges imposingly in the Vena del Gesso to form a natural bastion about 25 km long, with an average width of one and a half kilometers. The area affected by the Park has an origin that dates back to about 6 million years ago. During the geological age known as the Messinian, there was a cyclical lowering of the level of the Mediterranean Sea, following the closure of the Strait of Gibraltar. The absence of communications with the open sea caused a phenomenon of hypersalinity and a tendency to dry up, so as to form brackish pools where large quantities of salts, mainly gypsum and chlorides, were deposited. This phenomenon, known as the Messinian salinity crisis, occurred more than 15 times, in fact Vein it is made up of fifteen chalky banks, separated from each other by thin layers of clay. In the Quaternary there was an uplift of the seabed which, following tectonic movements, led to the exposure and partial erosion of the Messinian deposits, which today emerge discontinuously along almost the entire Apennine chain. [21] Dolines, gullies, plateaus, blind valleys and rocky cliffs suggestively shape the territory along a strip that, developing discontinuously across the valleys, culminates towards the north-west in the Regional Park of Gessi Bolognesi (also part of the system of regional protected areas).

There Vein of Gypsum it develops along the east-west line and therefore enjoys a particular microclimate: the south-facing side has a more arid and luminous environment, with a sub-Mediterranean climate on this side the chalk cliffs reflect the sunlight causing a slight increase in temperatures that allows typically Mediterranean species to vegetate at altitudes above 500 meters above sea level (the maximum point is Monte Mauro, 515 meters). The north-facing slope is fresher and greener where, thanks to a continental climate, there are large woods and chestnut trees. [22] [23]

The rock populations Edit

The flora along the cliffs of compact rock is characterized by the distinctly arid nature of the gypsum: this has very little capacity for absorption and retention of water precipitations. We find in these environments typically xerophilous flora and vegetation with all the consequent functional devices and morphological adaptations. In addition to various mosses, species that are able to penetrate with powerful root systems in some crevice that cracks the rock like Artemisia alba, Helichrysum italicum, Galium lucidum subsp. corrudifolium, Thymus striatus, Helianthemum apenninum, Stachys recta. More typical of these rock environments are Teucrium flavum, Campanula sibirica, Erysimum sylvestre, Dianthus caryophyllus and then again Centaurea margaritacea, Onosma echioides is Saxifraga tridactylites then various ferns are abundantly present such as the russet fern (Ceterach officinarum), the southern polypodium (Polypodium cambricum) and asplenium (Asplenium trichomanes) are also present Sedum telephium, Aegilops neglecta, Brachypodium distachyon, Bupleurum odontites and various Caryophyllaceae. [22]

The rarest botanical species of all is Cheilanthes persica, rare fern found in Italy only in Monte Mauro, the extreme western edge of its range, otherwise ranging from the Balkans to Iran, up to Indian Kashmir. [24]

The garrigue Edit

Where the chalky cliffs begin to subside, alternating with layers of clay or gravel, and the accumulations of rock and organic sediments are gradually increasing, the plant formation that tends to establish itself is the garrigue. In this less selective environment than the arid chalky cliffs we find, in addition to various species already mentioned in the rock populations, also large grasses with strong root systems such as forasacco (Bromus erectus), the bunch of grass (Dactylis glomerata), the common paleo (Brachypodium pinnatum) and the most characteristic Melica ciliata, Bothriochloa ischaemon, Andropogon gryllus is Diplachne serotina.

In the garrigue there are species, shrubs or trees, characteristic of the Mediterranean scrub such as holm oak (Quercus ilex), phyllirea (Phyllirea latifolia), the alaterno (Rhamnus alaternus), sage-leaf cistus (Cistus salvifolius) is Pistacia terebinthus. Of significant importance is the presence of lavender areas (Lavandula latifolia), as well as large odorous broom spots (Spartium junceum) and wild asparagus (Asparagus acutifolius). There are also some species typical of the woods such as the common juniper (Juniperus communis), red juniper (Juniperus oxycedrus), some oak trees (Quercus pubescens), orniello (Fraxinus ornus) and some black hornbeam (Ostrya carpinifolia). [22]

The woods Edit

Always the trees of Vein of Gypsum they have been used for human activities: from the main source of fuel to the use of wood for tools, the woods have undergone innumerable changes over time, as evidenced by some dolines still cleared to make room for crops. Some photographs from the 1920s show Monte Mauro completely devoid of tree vegetation, an unequivocal sign of the exploitation of these areas by the inhabitants of the area. Today, thanks to the establishment of the Vena del Gesso Regional Park, these environments are protected and many areas are covered with woods again, becoming the floristically richest environments in the Vein.

In cooler areas, such as at the bottom of the sinkholes, the hornbeam, the ornello and the downy oak dominate. Then we find the hornbeam (Carpinus betulus), the civardello (Sorbus torminalis) and the core (Corylus avellana) among the geophytic herbaceous species there are Lilium croceum, Symphytum tuberosum, Anemone hepatica, Anemone nemorosa, Erythronium dens-canis, the suggestive snowdrop (Galanthus nivalis), the widespread primrose (Primula acaulis) and the Neapolitan cyclamen (Cyclamen hederifolium). Abundant in the undergrowth are some typically Prato species such as Anemone hortensis, Dorycnium hirsutum, Teucrium chamaedrys. Among the bushes we have hawthorn (Crataegus monogyna), Pistacia terebinthus, the bone wood lonicera (Lonicera xylosteum) and, among the lianas, the very common Clematis vitalba, the scented Lonicera caprifolium and honeysuckle. Very important is the presence of the beautiful and very rare Staphylea pinnata, the purse. [22]

The prairies Edit

Among the less representative environments of the park we find the "secondary" environments grasslands obtained by man through deforestation, mainly dolines. In the large meadows of the park, used in past years mainly as pastures, we find, in addition to many colonizing shrub or tree species, Brachypodium pinnatum, Bromus erectus, Dactylis glomerata, Festuca duriuscula, Achillea millefolium and many more. [22]

Le considerazioni svolte relativamente alla flora sono in gran parte estendibili anche alla fauna: la diversità di microclima e la ricchezza di habitat determinano la presenza di una fauna abbondante e differenziata (248 specie di vertebrati). [25] [26]

Anfibi Modifica

Tra gli anfibi era segnalato fino agli anni '80 l'ululone appenninico, non più confermato in anni recenti. Tra le altre specie, sono da segnalare la rana italica e la salamandra pezzata, caratteristiche di habitat montani più elevati e presenti nelle forre esposte a nord, e il geotritone italico, legato alla presenza delle numerose grotte. [27] [28]

Rettili Modifica

Tra i rettili sono presenti alcune specie tipicamente mediterranee, tra cui, in particolare, il colubro di Riccioli, presente sulle rupi esposte a sud, e il geco comune, diffuso soprattutto nel centro storico di Brisighella.

Uccelli Modifica

Moltissime le specie di uccelli presenti, anche durante le migrazioni e in periodo invernale. Tra le specie nidificanti sono particolarmente rilevanti i rapaci, con 14 specie, 8 diurni e 6 notturni. Tra i primi, da evidenziare albanella minore, pecchiaiolo, biancone, falco pellegrino tra i secondi, il rarissimo gufo reale. Altre interessanti specie di uccelli sono legate agli arbusteti mediterranei delle garighe rupicole esposte a sud, come occhiocotto, sterpazzolina di Moltoni e, soprattutto, la rara magnanina o alle rupi, come rondone maggiore, rondine montana e codirosso spazzacamino non è più segnalato dagli inizi del XXI secolo il passero solitario. Inoltre, sono presenti altre specie rare, legate agli habitat caldi e aridi, sia sulla Vena del Gesso che nei calanchi a valle, come succiacapre, calandro, averla piccola.

Mammiferi Modifica

Tra i mammiferi, l'ordine più caratteristico della Vena del Gesso, in virtù delle numerose cavità sotterranee, sono i chirotteri, con ben 20 specie note. Molte altre specie sono presenti, tra cui lupo (sulla Vena del Gesso ci sono 3-4 branchi, osservati tramite avvistamenti diretti e foto-trappole, ognuno dei quali composto mediamente da 4 o 5 individui [29] ), gatto selvatico, volpe, tasso, faina, cervo nobile, capriolo, cinghiale, istrice, moscardino. [30]

Chirotteri Modifica

Le grotte della Vena ospitano alcune tra le più importanti colonie di pipistrelli d'Italia e d'Europa. Le specie più interessanti nella Vena del Gesso sono: il più diffuso ferro di cavallo maggiore (Rhinolophus ferrumequinum), presente nella maggior parte delle grotte della Vena ferro di cavallo minore (Rhinolophus hipposideros), meno comune, ma comunque presente in esemplari isolati in varie grotte ferro di cavallo euriale (Rhinolophus euryale), con due importantissime colonie riproduttive miniottero (Miniopterus schreibersi) presente con una delle più grandio colonie invernali note in Europa vespertilio maggiore (Myotis myotis) e vespertilio di Blyth (Myotis blythii), molto più rari dei precedenti orecchione meridionale (Plecotus auritus), osservato solo in una cavità e più frequente nei boschi da segnalare, infine, la presenza in alcune grotte del vespertilio di Natterer (Myotis nattereri) e la recente segnalazione del barbastello (Barbastella barbastellus) e del vespertilio di Bechstein (Myotis bechsteini), anch'essi legato soprattutto ai boschi. [31] [32]

Insetti Modifica

Numerosissime le specie di insetti, tra cui molte rare ed estremamente localizzate. Di particolare importanza la libellula azzurrina di Mercurio (Coenagrion mercuriale ), presente in alcuni rii di risorgenza con acque fresche e limpide, che scorrono nelle praterie aperte dei calanchi lo scarabeo eremita (Osmoderma eremita), che vive nelle cavità degli alberi vivi, ma con legno marcescente e rosura il cerambice della quercia (Cerambyx cerdo), legato ai boschi di roverella la farfalla licena azzurra del timo (Maculinea arion), che si trova nella gariga mediterranea la falena dell’edera (Euplagia quadripunctaria), presente negli habitat freschi e ombreggiati delle forre la mantide diavoletto (Empusa pennata), anch'essa legata agli ambienti caldi e aridi delle rupi. Tra le specie tipicamente legate agli ambienti carsici, troviamo la cavalletta cavernicola Dolichopoda laetitiae. Nel 2016 nel territorio del parco sono state segnalate molte specie insolite o mai osservate in Emilia-Romagna, come l'ortottero tettigonide Saga pedo, protetto dalla direttiva habitat CEE, o l'acridide Oedipoda miniata, del tutto nuova per l'Italia peninsulare. [33] [34] [35] [36]

Altri invertebrati Modifica

Tra le altre specie di invertebrati, sono da segnalare il diafano gamberetto Nyphargus, che vive nei torrenti sotterranei, oltre ad alcune minuscole specie endemiche esclusive delle grotte della Vena del Gesso, si tratta degli acari Ramusella caporiacci is Medioppis melisi e del collembolo Deuteraphorura sp., rinvenuto in due cavità nei Gessi di Rontana e di Brisighella, in pochi esemplari raccolti sul guano dei pipistrelli costituisce una specie nuova per la scienza, lunga circa 1 mm, endemica, per quanto si sa ora, dell’area della Vena del Gesso. [37]

Alcune decine di migliaia di anni fa, nel pleistocene superiore, il paesaggio della Vena del Gesso risultava sicuramente meno accidentato di quello attuale: l'erosione del gesso era appena iniziata ed il clima più fresco questo favoriva la crescita di radi boschi di Pino silvestre in ambienti più aperti dove potevano pascolare grossi erbivori. In alcune grotte della Vena del Gesso sono stati rinvenuti fossili di antichi animali: nella grotta Rosa-Saviotti venne rinvenuto un metacarpo lacunoso privo della porzione distale, riferibile a Bison priscus. Dalla grotta Leoncavallo proviene un radio destro privo dell'epifisi distale attribuibile a Bos primigenius. Nell'agosto del 1995 il Gruppo Speleologico Faentino, durante alcuni lavori di disostruzione di un rametto laterale della grotta Risorgente del Rio Cavinale, portò alla luce alcuni interessanti fossili riferibili a Ursus spelaeus: un canino superiore destro, un I o II incisivo superiore, un III incisivo superiore destro e una I falange, determinati dal dott. L. Rook, paleontologo dell'università di Firenze. Questi reperti di orso delle caverne sono gli unici rinvenuti nella regione Emilia-Romagna, oggi conservati a Faenza nel Museo Civico di Scienze Naturali Malmerendi. [38]

Nel 1985 all'interno della ex cava del Monticino, Antonio Benericetti [39] [40] , studioso locale di fossili e minerali, perlustrando alcune strane fessure riempite di argille nei banconi di lavorazione della cava, individua la presenza di numerosi resti ossei fossilizzati. Le fessure o tasche, rivelatesi paleo cavità carsiche, contenevano e conservavano infatti come una sorta di trappole i resti di una numerosa fauna facendo del sito un giacimento paleontologico di straordinaria ricchezza. Il ritrovamento più interessante fu la scoperta dei fossili di faune e flore marine e, soprattutto, continentali risalenti a circa 5 milioni e mezzo di anni fa, di cui 5 specie fino ad allora sconosciute per la scienza.

In molte delle oltre 200 cavità attualmente scoperte nella Vena del gesso sono da sempre stati notati segni e tracce che rimandano ad una diffusa presenza e frequentazione umana. Nella maggior parte dei casi piccoli aggiustamenti, tacche o vaschette, la cui realizzazione è resa possibile dalla facilità di lavorare il gesso con poca fatica, attraverso l'utilizzo di attrezzi di diversa natura: scalpelli, picconi accette o piccole vanghe. La difficoltà nel determinare l'antichità di questi segni, nonché la loro funzione, ha da sempre reso difficile stabilire il tipo di frequentazione e la destinazione d'uso di molte grotte in periodo antico o pre-moderno. Nel tempo sono prevalse quindi due principali modalità di frequentazione ipotizzate: da un lato una a scopo cultuale con l'idea di un rapporto sacrale dell'uomo antico tout-court con il sottosuolo, dall'altro lato una serie di piccoli scavi o tracce sono state per molto tempo interpretate come lavori recenti, legati ad un orizzonte economico di tipo agro-pastorale, ricoveri per animali o annessi agricoli. Per molti anni tutte le tracce umane ritrovate nelle grotte della zona si sono legate a queste due ipotesi interpretative che tracciavano un'immagine del territorio interessato dall'emergenza gessosa come luogo da sempre frequentato ed economicamente marginale.

Tra il 1934 e il 1935 Giovanni Mornig e Antonio Corbara effettuarono alcuni scavi nel salone preistorico della grotta Tanaccia riportando alla luce reperti di estremo interesse archeologico nuove ricerche nel vano anteriore della grotta e in parte in un ambiente più interno sono state effettuate nel 1955 da Renato Scarani. Durante questi scavi vennero alla luce strati con reperti dell'età del ferro e, a circa 4 metri di profondità, materiali riferibili prevalentemente dall'Eneolitico fino al Bronzo antico ed oltre. [41] Nel 1992 il Gruppo Speleologico Faentino rinveniva in un ambiente interno della grotta Ricciardi, sita a Monte Mauro, un coperchio-scodella riferibile per la sua tipologia alla seconda età del ferro.

Nel dicembre del 1996, sempre in una grotta a Monte Mauro, durante operazioni di recupero di alcune carcasse di un cinghiale e un istrice cadutivi accidentalmente, venne rinvenuta un'olletta-bicchiere a corpo ovoide con piccole prese a sporgenza sotto l'orlo, che emergeva dal terriccio. La tipologia è simile a quella di alcuni vasetti simbolici miniaturizzati trovati nella grotta del Re Tiberio (circa 800), a differenza delle dimensioni: quest'ultimo ritrovamento è notevolmente più grande.

Nel 2000 venne scoperto il sito relativo alla grotta della lucerna presso Monte Mauro [42] [43] . Questa grotta quasi-naturale, presentava infatti una tale densità di tracce e lavorazioni da rendere evidente subito una frequentazione protrattasi nel tempo, nonché un notevole impegno organizzativo e logistico necessario per portare avanti tali lavori. Lo studio per l'interpretazione del sito ha prodotto negli anni diverse ipotesi, senza però approdare ad una spiegazione definitiva fino al 2011 [44] [45] [46] , quando una ricerca portata avanti dall'antropologo Andrea Benassi in associazione con la Società Speleologica Saknussem di Casola Valsenio ha prodotto l'ipotesi che la grotta fosse una miniera romana di Lapis Specularis [47] [48] [49] [50] [51] [52] [53] , ovvero di gesso secondario trasparente, utilizzato in periodo imperiale principalmente per la creazione di tamponatura nelle finestre degli edifici. Alla luce di questa nuova prospettiva sono stati quindi avviate dagli organi archeologici competenti, ricerche che stanno portando ad una revisione storica ed economica dell'intera zona [54] . Molte delle grotte che presentano tracce di lavorazione sono infatti da riferire ad una diffusa presenza di attività estrattiva e di ricerca del Lapis Specularis protrattasi per diversi secoli. Sebbene molte cavità naturali della Vena del Gesso, anche di difficile accesso, siano state frequentate fin dalla protostoria, e utilizzate in alcuni casi come luoghi di sepoltura o a scopo cultuale, molte interpretazioni di siti, tracce individuate e record stratigrafici dovranno essere oggetto di revisione e le ipotesi interpretative integrate alla luce dell'attività di ricerca ed estrazione dei grandi cristalli di gesso secondario nonché di un loro possibile legame con i siti cultuali stessi [55] .

Il castello di Rontana Modifica

Sulla vetta del Monte Rontana sono presenti alcuni ruderi del vecchio castello di Rontana. Le origini storiche ed architettoniche di questa fortezza risalgono al 973, quando era di proprietà di Ugone di Rontana. Nel 1201 venne conquistato dai Forlivesi e dopo 8 anni tornò in mano ai Faentini. Nel 1291 era di proprietà dei Manfredi e fino al 1500 fu al centro di numerose contese per il controllo del territorio da parte delle principali famiglie signorili della Romagna, che trasformarono l'aspetto del villaggio fortificato in una potente rocca. Nel 1591, papa Gregorio XIV lo fece distruggere, essendo rifugio di una grossa orda di briganti. [56]

Una recente campagna di scavi avviata nel 2007 ha portato alla luce nuovi elementi che arricchiscono e delineano la struttura e la mappa del sito archeologico. Le scoperte hanno permesso di osservare diversi ambienti del villaggio come il cortile dell'area signorile sulla sommità dell'insediamento, ampi tratti delle mura difensive del castello medievale, una massiccia torre trecentesca e alcune abitazioni. Sul versante est sono emersi i resti di una fortificazione in legno, traccia del primo impianto del castello. La scoperta di alcuni reperti in ceramica consentono inoltre di caratterizzare ancora meglio gli aspetti della vita quotidiana del sito nelle sue prime fasi di vita. [57] [58]

Oggi il sito di Rontana è una delle più importanti zone archeologiche del Parco della Vena del Gesso Romagnola.

La vera peculiarità della Vena del Gesso non è tanto il minerale, quanto le grotte. Camminando lungo gli affioramenti gessosi ci si imbatte in grandi e piccole depressioni chiuse: sono le valli cieche e le doline, gli elementi più caratteristici del paesaggio carsico della Vena del Gesso. Le doline sono piccoli o relativamente grandi affossamenti (da pochi metri di diametro e profondità, fino a valori di quasi 500 m di diametro e più di 100 di profondità) dalla classica forma a imbuto, prodotte dalla dissoluzione chimica della roccia da parte delle precipitazioni meteoriche [59] . Quando l'acqua incontra la roccia carsificabile, in questo caso il gesso, estremamente solubile, sul fondo delle doline si aprono per erosione uno o più inghiottitoi, generalmente cavità sub-verticali, in cui si riversano tutte le acque piovane raccolte dall'avvallamento, formando una cavità. [60] [61] [62] Lo stesso fenomeno si verifica nelle valli cieche in proporzioni decisamente maggiori: nella Vena del Gesso sono presenti due importanti esempi di valle cieca: la valle della Tana della Volpe (ER RA 102) [63] [64] [65] , nei pressi di Brisighella, al Parco museo geologico del Monticino e la più grande valle cieca del Rio Stella (ER/RA 385) [66] , chiusa dall'imponente dorsale gessosa fra Monte Mauro e Monte della Volpe. In entrambi i casi è possibile percorrere l'intero tratto ipogeo delle acque, principalmente a sviluppo sub-orizzontale, dal punto di inghiottimento delle acque fino alla risorgente, dalla parte opposta dell'affioramento gessoso. [67]

I sistemi carsici Modifica

Grazie alla presenza di varie doline e valli cieche, l'acqua di superficie viene drenata e convogliata in profondità dove alimenta il torrente sotterraneo (nei casi delle grotte così-dette, attive) che scorre lungo gallerie, pozzi, cunicoli, meandri, sifoni ed altri ambienti ipogei anche non accessibili all'uomo ed infine, dopo aver raccolto eventuali affluenti, torna a giorno dalla risorgente posta a valle della formazione carsica. In generale questo fenomeno viene definito sistema carsico, quindi un insieme di grotte idrologicamente collegate tra loro. Nella Vena del Gesso sono presenti diversi sistemi carsici di notevole importanza, il cui sviluppo supera il chilometro [68] come:

  • Sistema carsico della Tanaccia[69][70] : nei gessi di Brisighella, è composto da otto cavità: Buco del noce (ER-RA 107), Abisso Acquaviva (ER RA 520) collegato nel giugno del '94 con la Grotta Rosa-Saviotti (ER RA 106), Grotta G. Leoncavallo (ER RA 757) collegata alla Grotta Alien (ER RA 578), Grotta Biagi (ER RA 116), Grotta Brussi (ER RA 380) collegata da uno stretto e bagnato laminatoio alla Tanaccia (ER RA 114) ed infine, l'effettiva risorgente a valle, Buchi del Torrente Antico (ER RA 115). Uno sviluppo totale che supera i 2 km .
  • Sistema carsico dei gessi di Rontana e Castelnuovo[71] : si sviluppa a ovest dei gessi di Brisighella, in località Castelnuovo rappresenta nella Vena del Gesso un esempio di collettore ipogeo attivo raggiungibile in tratti diversi del suo percorso attraverso grotte a sviluppo prevalentemente verticale. Nel marzo del 1968 il Gruppo speleologico Faentino effettuò una colorazione con fluoresceina dell'Abisso Fantini (ER RA 121), posto poco sotto la vetta di Monte Rontana a quota 426 ms.l.m.m, osservando l'uscita dell'acqua colorata alla Risorgente del Rio Cavinale (ER RA 457), 160 ms.l.m.m, ad una distanza lineare di circa 1,8 km. Si constatò quindi che tutta l'area del parco Carnè, da Monta Rontana fino a Castelnuovo rappresenta il bacino di un unico grande collettore, le cui grotte conosciute vantano uno sviluppo complessivo di circa 4 km. È composto da più di 47 cavità fra cui, le più importanti partendo da monte sono: Abisso Fantini (ER RA 121), collegato da una stretta condotta semi allagata all'Abisso Garibaldi (ER RA 528), Abisso Faenza (ER RA 399), Abisso Carnè (ER RA 376), più a valle Abisso Mornig (ER RA 119), Abisso Peroni (ER RA 627), collegabile "a vista" con la Risorgente del Rio Cavinale (ER RA 457).
  • Sistema carsico Stella-Basino-Bentini[72][73][74] : fra Monte Mauro e Monte Tondo, alimentato dall'omonima valle cieca, il Rio Stella penetra in profondità sotto il bastione di gesso tramite un inghiottitoio (Inghiottitoio Rio Stella (ER RA 385)), formando così una "grotta di attraversamento" dalla lunghezza lineare di circa 1,5 km completamente percorribile, anche se con notevoli difficoltà, fino alla Risorgente del Rio Basino (ER RA 372) a quota 159 m. È il più importante traforo idrogeologico carsico nei gessi messiniani della "Vena del Gesso". Nel tratto sotterraneo il Rio Basino riceve un'importante affluente sulla destra idrografica: si tratta delle acque provenienti dall'Abisso Luciano Bentini o F10 (ER RA 738) che si apre nella zona di Monte Mauro a quota 400 metri sul livello del mare. Grazie alla colorazione delle acque si verificò l'effettivo collegamento fra queste due grotte (anche se il "passaggio umano" deve ancora essere effettivamente scoperto), per uno sviluppo totale che supera i 5 km, risultando una delle esplorazioni più lunghe ed impegnative dell'intera Vena del Gesso.
  • Sistema carsico della Grotta del Re Tiberio[75][76] : su Monte Tondo parte delle grotte di questo sistema sono state intercettate dalle gallerie della cava e spesso la circolazione sotterranea delle acque è stata deviata. È composto da 5 principali cavità, partendo dalla più a monte, l'Abisso Mezzano (ER RA 725), Abisso Tre Anelli (ER RA 735), Inghiottitoio del Re Tiberio (ER RA 739), Abisso 50 (ER RA 826) collegato con la Grotta del Re Tiberio (ER RA 36). La colorazione delle acque dall'Abisso Mezzano ha permesso di constatare la connessione di queste grotte fino alla risorgente sotto la Grotta del Re Tibero, per uno sviluppo totale di quasi 6 km.
  • Sistema carsico dei Crivellari[77][78] : situato più a est, sempre su Monte Tondo, è rimasto intoccato dalle attività della cava È composto da 6 principali cavita: Buca Romagna (ER RA 734), Grotta grande dei Crivellari (ER RA 398), Grotta Enrica (ER RA 704), Grotta uno di Cà Boschetti (ER RA 382), Grotta due di Cà Boschetti (ER RA 383) ed infine la Risorgente a ovest di Cà Boschetti (ER RA 538). Anche in questo caso la colorazione delle acque ha permesso di constatare l'unione sotterranea delle grotte per uno sviluppo di più di 2 km.
  • Sistema carsico di Monte del Casino[79] : sulla sinistra del Senio, nei Gessi di Monte del Casino e di Tossignano (474 m), è una tra le maggiori strutture carsiche della Vena del Gesso. Composto da sette principali grotte(Abisso Antonio Lusa (ER RA 620), Inghiottitoio a Ovest di Ca’ Siepe (ER RA 365), Pozzo a Ovest di Ca’ Siepe (ER RA 130), Buco II di Ca’ Budrio, Inghiottitoio presso Ca’ Poggio (ER RA 375), Grotta Lanzoni (ER RA 619) e Risorgente del Rio Gambellaro (ER RA 123)) ha uno sviluppo che supera i 4 km.

Le grotte Modifica

Nella Vena del Gesso sono state scoperte oltre duecento grotte [80] [81] , per una lunghezza totale di sviluppo che supera i 40 km.

Alcune fra le più importanti sono:

Grotta del Re Tiberio (ER RA 36)

Di formazione carsica (risorgente fossile), la grotta consta di un vano d'ingresso che porta ad una sala circolare di circa 15 metri di diametro (la "sala gotica"), ed è caratterizzata da un esteso sistema di gallerie e cunicoli. L'interpretazione circa l'origine e la datazione del toponimo Tiberio attribuito alla grotta appare di difficile soluzione. Negli anni sono state proposte numerose teorie. Tra queste l'interpretazione [82] secondo cui il fiume Senio, che scorre nel fondovalle, fosse denominato anticamente Tiberi. Da cui Il nome attuale sarebbe una corruzione dell'idronimo, avvenuta nell'Alto Medioevo, quando il latino cessò di essere la lingua parlata. Altre interpretazioni si rifanno ad un presunto limes tiberiaco, legato in questo caso all'imperatore bizantino Tiberio II. Una ipotesi recente lega invece l'accostamento della grotta con la figura di Tiberio ad una riscoperta moderna delle fonti classiche e delle narrazioni legate a questo imperatore da parte degli storici romani Tacito e Svetonio. [83] .

La grotta, conosciuta e frequentata da sempre dagli abitanti dei vicini paesi fu oggetto a metà Ottocento di un nuovo interesse legato alle nascenti scienze geologiche e alla nuova archeologia stratigrafica. Il geologo imolese Giuseppe Scarabelli, in questa prospettiva la fece oggetto di una serie di campagne di studio e scavo. Si devono sempre a Scarabelli una serie di sezioni geologiche del sito nonché il primo rilievo strumentale della prima parte della grotta fino alla sala gotica. Al suo interno sono state ritrovate tracce di presenza umana sin dall'Età del Rame (III millennio a.C.). Fu utilizzata come luogo di sepoltura. La presenza di acque salutari che filtrano all'interno ne fece anche una sede per riti di culto. I reperti rinvenuti nella Grotta (ossa umane e suppellettili) sono oggi conservati al museo civico d'Imola e alla Rocca di Riolo Terme.

Dal 10 maggio 2014 la Grotta è tornata interamente visitabile dopo un lavoro di recupero iniziato nel 2002.

Grotta Tanaccia (ER RA 114)

Di formazione carsica, è la risorgente attiva dell'omonimo sistema carsico.

L'ingresso si trova due km a ovest di Brisighella, poco distante dal Parco del Carnè. Di notevole importanza sia naturalistica che archeologica, è considerata una delle più importanti grotte della Vena del Gesso Romagnola. Si apre a 200 metri di altitudine con un vasto ambiente dove si concentrano rinvenimenti archeologici. Studi sui reperti fanno ritenere che il sito sia stato utilizzato fin dagli inizi dell'Età del bronzo a scopo prevalentemente funerario. [41] Nel maggio 1958 gli speleologi faentini scoprirono la "via" per accedere ai rami ipogei attivi. Come la maggior parte delle grotte nel gesso, anche la Tanaccia presenta poche concrezioni calcaree in compenso sono molto interessanti le osservazioni speleo-genetiche di morfologia carsica ipogea. Caratteristici i fenomeni erosivi alle pareti ed al tetto delle gallerie e delle sale, fra cui le principali sono: la Sale delle Sabbie, ricca di pendenti di gesso (pseudo-stalattiti di erosione), il grande Salone di crollo, la Sala del Laghetto, parzialmente concrezionata, ed infine la Sala Piatta, prodotta in seguito ad un ampio "scollamento" di due banchi gessosi. [84] [85] [86]

È possibile visitarla tutti i giorni dal 1º aprile al 30 ottobre - con esclusione del periodo invernale - per tutelare il letargo dei pipistrelli.

Grotta Luciano Bentini o F10 (ER RA 738)

Così chiamata in quanto scoperta durante ricerche a tappeto nella zona di Ca’ Faggia, nell’ambito delle quali ogni nuova cavità individuata veniva battezzata con l’iniziale della località di riferimento, seguita da un numero progressivo, è fra le più famose cavità della Vena del Gesso in quanto detiene un primato: risulta una delle grotte più profonde al mondo nei gessi. Si apre in una piccola dolina posta nella zona più occidentale di Monte Mauro, appena prima della sella di Cà Faggia. Venne disostruita nel 1990 da alcuni membri del Gruppo Speleologico Faentino dopo diversi scavi. Grazie alle varie esplorazioni si è scoperto che l'abbondante acqua del torrente attivo della grotta sfocia nel tratto ipogeo del Rio Basino, dopo circa 250 m di dislivello. Avendo un bacino di assorbimento abbastanza grande e complesso, l'abisso Luciano Bentini costituisce il collettore della zona fra Monte Mauro e la sella di Cà Faggia. Ancora oggi è in fase di esplorazione. [87] [88]

Monte Mauro Modifica

Monte Mauro è la cima più elevata della Vena del Gesso romagnola (515 metri) ed il sito di maggiore interesse speleologico, naturalistico e paesaggistico del Parco. Il monte presenta 3 cime che sono incastonate in un vasto e selvaggio sistema di rupi e di doline, fittamente ricoperte da vegetazione arbustiva e arborea la maestosa rupe meridionale presenta spettacolari panorami e interessanti popolamenti vegetali rupicoli. La presenza di numerose grotte rende il sito di Monte Mauro uno dei luoghi di maggiore interesse per la speleologia nel parco oltre al sistema carsico "Stella-Basino-Bentini" sono presenti più di 70 cavità ed altrettante doline. [74]

Presso la cima di Monte Mauro si trova l'antica Pieve di Santa Maria in Tiberiaco. L'edificio, ricostruito più volte durante i secoli, ha origini remote [89] . La chiesa in età contemporanea ha assolto le funzioni di chiesa parrocchiale per la comunità di Monte Mauro. Con la progressiva emigrazione avvenuta nel secondo dopoguerra, che ha ridotto la popolazione residente nell'area, l'edificio ha perso il suo ruolo ed è stato abbandonato per alcuni decenni. A partire dagli anni novanta del XX secolo, il processo si è invertito ed il luogo è stato progressivamente ricostruito grazie agli sforzi di un gruppo di fedeli [90] [91] . Attualmente la chiesa è divenuta un luogo di ritiro e preghiera, particolarmente legato al culto mariano. Durante l'anno vi si tengono diversi pellegrinaggi a piedi, nonché due feste in occasione del Lunedì dell'Angelo e del festività dell'Assunta, il 15 agosto. Gli eventi sono occasione per la rituale benedizione della Romagna, impartita proprio da una delle cime di Monte Mauro. La cerimonia in parte si ricollega alle tradizionali pratiche e benedizione impartite durante le rogazioni già praticate anche a Monte Mauro.

Da Monte Mauro partono vari sentieri che offrono itinerari di estrema bellezza e particolarità un percorso ad anello di 11 km (circa 6 ore di cammino) aggira il monte ed interessa l'intero affioramento tra le valli dei Torrenti Sintria e del Senio, in un percorso che è il più completo e affascinante del Parco e permette di scoprirne tutti gli aspetti salienti.

Centro Visite Rifugio Ca' Carnè Modifica

Il centro visite sorge presso il Parco naturale attrezzato Carnè, un'area di proprietà pubblica di estremo interesse paesaggistico e naturalistico nei Gessi di Rontana e Castelnuovo.

Istituito nel 1973 dalla Provincia di Ravenna e dai Comuni di Brisighella e di Faenza si sviluppa in zona collinare sulle pendici del Monte Rontana, in parte occupato da boschi ed in parte da ampi prati, con una superficie totale di 43 ettari. Il parco è caratterizzato da un ampio e complesso sistema carsico ipogeo, solo in parte esplorato, che si sviluppa dalla cima del Monte Rontana fino alla risorgente del Rio Cavinale Numerose cavità carsiche si aprono nelle doline, la maggior parte di queste a sviluppo prevalentemente verticale e profondi come gli abissi Fantini e Garibaldi, sotto il Monte di Rontana (cima panoramica pure di pertinenza del Parco) e, meno profondi, l'Abisso Carnè e l'Abisso Faenza.

Il paesaggio di superficie è modellato da un carsismo ugualmente intenso. Numerose doline si susseguono in direzione Nord-Ovest, verso la risogente non mancano forme di dissoluzione, tra le quali splendide erosioni a candela.

La flora arborea può vantare la presenza, accanto ai consueti carpino nero, orniello e roverella, di specie più rare: l'acero minore, il tiglio selvatico e il raro borsolo.

Il Parco prende il suo nome dalla casa (Ca' Carnè) che è in grado di garantire un pernottamento ad una trentina di persone all'interno dell'edificio è allestita una piccola sezione di documentazione didattica.

Le cave di gesso Modifica

Nell'età moderna l'utilizzo del gesso per l'edilizia è proseguito nel territorio faentino e imolese, come dimostrano molti edifici attorno alla Vena del Gesso. [92] Nella Cronaca di Giovanni Andrea Calegari (1504) [93] si legge che vi erano "montagne di gesso, che cotto e pesto serve mirabilmente per fabbricare case [ . ] et travagliandovi molta povera gente ne l'esercitio di cuocerlo al forno et ridurlo in polvere, ne tengono fornita non sola la valle, ma Faenza et Ravenna con altri luoghi circonvicini, con molto utile per chi lo porta a vendere. "

Attorno a Brisighella era massiccia la presenza di piccole miniere e forni per cuocere e polverizzare il gesso, tanto che prima della seconda guerra mondiale il Prefetto della Provincia di Ravenna emanò dei decreti per impedire la prosecuzione dei lavori di estrazione del minerale che stavano minacciando la stabilità dei tre caratteristici monumenti della città, particolarmente per la Torre dell'Orologio, che era la più in pericolo, con decreto prefettizio del luglio 1926 si vietavano gli scavi entro un raggio di 100 m dalla stessa.

Nel dopoguerra, il maggior utilizzo del gesso in attività come l'edilizia, ma in particolare l'utilizzo in ambito agricolo in relazione alla Rivoluzione Verde, ha portato ad un incremento nello sfruttamento dei principali giacimenti ad opera di complessi industriali. Nello specifico dell'area, lo sviluppo del polo petrolchimico di Ravenna e dell'ANIC portò all'apertura nel 1954 del sito estrattivo di Monte Tondo. L'attività estrattiva ha modificato ed in parte distrutto ambienti unici, come i colli presso il Santuario del Monticino di Brisighella, della Gola di Tramosasso, presso Tossignano, e soprattutto di Monte Tondo (presso Borgo Rivola).

Al termine dei lavori di coltivazione le cave in località fondo Marana e presso il Santuario del Monticino vennero abbandonate lasciando le aree in precarie e pericolose condizioni di instabilità, come dimostrano gli ampi crolli verificatisi sia all'interno delle gallerie che negli affioramenti gessosi sovrastanti le stesse.

Oggi, grazie a interventi di riqualificazione del territorio, queste zone sono state riprese e valorizzate: la ex cava del Monticino trasformata in un museo geologico all'aperto, mentre all'interno dell'ex cava marana vengono organizzati suggestivi concerti e mostre di opere d'arte. [94] Ai giorni nostri, l'estrazione è ancora praticata solo nella grande cava dell'area di monte Tondo, nei pressi dell'abitato di Borgo Rivola.

Museo Geologico del Monticino Modifica

Nel 1987, dopo gli importanti ritrovamenti palontologici, Gian Battista Vai dell'Università di Bologna propose di trasformare l'area degradata dell'ex Cava del Monticino in un museo geologico all'aperto. Nel 2001 è stato stabilito un primo accordo fra la Regione Emilia-Romagna e il Comune di Brisighella per iniziare i lavori di intervento tesi alla fruizione dell'area. Nel 2004 è stato varato un piano di recupero turistico-ambientale dell'area, di 14,5 ettari, per permettere l'accesso al pubblico e per valorizzarne l'importanza ambientale e scientifica. Fra il 2005 e il 2006 il progetto è stato realizzato.

Oggi il parco museo geologico del Monticino è un sito di riferimento della comunità geologica internazionale per lo studio delle evaporiti messiniane, della geologia dell'Appennino romagnolo e della paleontologia. All'interno della cava si può ammirare il paesaggio carsico dove spiccano la valle cieca e l'inghiottitoio della Tana della Volpe, oltre ad alcune doline che costituiscono un micro-habitat per piante poco comuni nell'Appennino Romagnolo. [95]

Altri luoghi Modifica

Altre mete da raggiungere sono: il monte Penzola (sulla sinistra del Santerno, 409 m: sulla sua sommità svetta un'alta croce di ferro) e i ruderi della rocca di Tossignano, che offrono punti di osservazione interessanti sui banconi gessosi.

Ulteriori centri visite e strutture attrezzate sono presenti nel parco: il centro visite "I Gessi e il Fiume" o Centro visite Palazzo Baronale a Tossignano, il centro didattico "La Casa del Fiume" e il giardino delle Erbe [96] di Casola Valsenio. Il centro visite "I Gessi e il Fiume" è in corso di trasferimento a "La Casa del Fiume", in vista dell'apertura nel Palazzo Baronale del Museo geologico Palazzo Baronale ancora in corso di allestimento. [97] [98] .

La Vena del Gesso può essere percorsa interamente a cavallo e in mountain bike. Esistono due grandi sentieri di 60 km ciascuno. È presente anche una ciclovia, un percorso di 24 ore il luogo di partenza e arrivo è la stazione ferroviaria di Brisighella.

Sentieri del Parco Modifica

  • Anello del Carnè (3h)
  • Anello della Riva di San Biagio (8h)
  • Anello di Monte Mauro (7h)
  • Anello di Monte Penzola (8h)
  • Grande traversata della Vena del Gesso (48h)
  • Sentiero degli Abissi (2h)
  • Sentiero dei Cristalli
  • Itinerario urbano sui Gessi di Brisighella (1h)
  • Ciclovia dei Gessi (per Mountain Bike)

L'Alta via dei Parchi passa nella Vena del Gesso Romagnola, dopo Monghidoro fino a Marradi. [99]

Sentieri CAI Modifica

  • Sentiero CAI 505, da Faenza alla Vena del Gesso (5h)
  • Sentieri CAI 511 'Luigi Rava' (7h)
  • Sentieri CAI 'Luca Ghini', da Casalfiumanese alla Vena del Gesso

Sono inoltre presenti percorsi di Camminata nordica che permettono di raggiungere i luoghi più caratteristici della Vena del Gesso. [100] [101]


Ogni domenica del mese, fino al 1 ottobre: Escursioni speleologiche guidate alla grotta Tanaccia di Brisighella. La Tanaccia di Brisighella, una tra le piщ belle e conosciute grotte dell’intera Vena del Gesso romagnola, presenta un percorso ipogeo con ambienti suggestivi arricchiti da interessanti fenomeni carsici. Le escursioni si effettuano alle ore 10,00, alle 14,30 ed alle 16,30 (ritrovo presso la Capanna Speleologica). Durante altre giornate и possibile effettuare la visita, per gruppi di almeno 7 persone, prenotandosi chiamando lo 0546-681585.

Come arrivare al Parco Carnи . Da Brisighella imboccare la provinciale per Riolo Terme e dopo circa 3 Km di strada panoramica si scorge, sulla destra, il parcheggio del Parco carsico della Tanaccia (da cui si scende per breve sentiero fino al Capanno Speleologico) proseguendo invece per la provinciale, subito dopo il Ristorante "Da Mario", si scorge sulla sinistra il cartello indicante il Parco. Seguire le successive indicazioni che conducono al parcheggio adiacente l'ingresso. Qui lasciare le vetture e proseguire per circa 1 Km su strada non asfaltata.

Fonte: Ufficio stampa Societа di Area “TERRE di FAENZA”


Sabato 16 e domenica 17 settembre, Naturalmente insieme. Un fine settimana dedicato ai giochi per avvicinarsi alla montagna e conoscerla meglio, a cura delle Sezioni C.A.I. di Ravenna e di Forlм.

Domenica 24 settembre, Alla scoperta di . querce, cipressi & Co.! Un importante appuntamento per chi ama il bosco e gli alberi: una panoramica sul paesaggio forestale e le sue diverse tipologie, imparando a leggere il bosco, la sua evoluzione e le sue caratteristiche, senza trascurare la questione inquinamento. Ritrovo presso il Centro Visitatori del Parco alle ore 15.

Domenica 1 ottobre, Alla scoperta di . finferli, amanite & Co.! Un esperto micologo guiderа gli interessati alla scoperta di questi misteriosi frutti del sottosuolo, svelandone i segreti una breve escursione nel Parco Carnи permetterа inoltre di imparare a riconoscere i funghi piщ comuni delle nostre colline. Ritrovo presso il Centro Visitatori del Parco alle ore 15.


Video: AMA FAENZA video emozionale